Ad un anno e mezzo dall’ultima partita aperta al pubblico, la Serie A prova a tornare alla normalità.

Serie A: le regole per accedere all’interno degli impianti

Manca sempre meno all’inizio del campionato di Serie A.

In virtù di questo, dal 22 agosto finalmente potremmo rivedere dopo la finale di Coppa Italia e gli Europei appena trascorsi i tifosi allo stadio. Tutto questo perché dal 5 agosto entrerà in vigore un nuovo decreto legge che, riguarda molto da vicino anche il calcio.

Infatti, è stata approvata l’apertura di tutti gli stadi che sono in zona bianca con il 50% della capienza totale. Però l’accesso agli impianti sportivi sarà consentito solo ai possessori del “Green Pass”; basterà aver effettuato almeno la prima dose del vaccino (da almeno 15 giorni), esibire un tampone negativo effettuato al massimo 48 ore prima dell’evento, o essere guariti dal COVID-19 da non oltre sei mesi.

Un’ottima notizia per i tifosi che, dopo un anno e mezzo potranno di nuovo seguire la propria squadra del cuore, meno per i club che si aspettavano un’apertura totale. Sulla questione si è espresso il presidente del Cagliari Tommaso Giulini:

«Sono convinto che chiunque abbia il green pass debba poter entrare negli stadi. Non vedo perché non al 100%. Il 50% ci preoccupa, perché rischia di essere una misura fittizia, nel senso che con il distanziamento la percentuale rischia di scendere al 30 e non è sufficiente».

Per quanto riguarda le trasferte nel decreto non c’è presente nessun divieto al riguardo. Quindi, finché sarà consentito lo spostamento tra regioni, con il necessario distanziamento e la mascherina, si potrebbe seguire la propria squadra del cuore in trasferta. Un’ ottima notizia per i tifosi della Salernitana, che potrebbero seguire la squadra in quel di Bologna per la prima giornata di Serie A.

Nel caso in cui, però una regione dovesse diventare zona gialla la capienza totale scenderebbe dal 50% al 25 %.

Quanti spettatori potranno contenere gli stadi di Serie A?

Nel dettaglio le capienze al 50% di tutti gli stadi della Serie A:

  • Atalanta, (Gewiss Stadium): 11.256 spettatori;
  • Bologna, (Renato Dall’Ara):  18.231 spettatori;
  • Cagliari, (Sardegna Arena): 8.208 spettatori;
  • Empoli, (Paolo Castellani): 9.923 spettatori;
  • Fiorentina, (Artemio Franchi): 23.641 spettatori;
  • Genoa e Sampdoria, (Luigi Ferraris): 18.299 spettatori;
  • Inter e Milan, (San Siro): 37.961 spettatori;
  • Juventus, (Allianz Stadium): 20.753 spettatori;
  • Lazio e Roma, (Olimpico): 36.630 spettatori;
  • Napoli, (Maradona): 27.363 spettatori;
  • Salernitana, (Arechi): 16.650 spettatori;
  • Sassuolo (Mapei Stadium): 10.792 spettatori;
  • Spezia (Alberto Picco): 5.168 spettatori;
  • Torino (Grande Torino): 13.997 spettatori;
  • Udinese (Dacia Arena): 12.572 spettatori;
  • Venezia (Penzo): 3.713 spettatori.

Per la prima parte del campionato Spezia e Venezia giocheranno al Orogel Stadium di Cesena e al Paolo Mazza di Ferrara.

FONTE: SALERNOSPORT24

FOTO: SALERNOSPORT24